La via dell'arte e dei mestieri

Gubbio – Le ceramiche eugubine del Museo Civico

HOME / ITINERARILE STRADE DI FRANCESCO /LA VIA DELL’ARTE E DEI MESTIERI/ GUBBIO – LE CERAMICHE EUGUBINE DEL MUSEO CIVICO

Gubbio – Le ceramiche eugubine del Museo Civico

106 Piatto ceramica a lustro®Mastro Giorgio Andreoli (XVI) Museo Civico®Iat Gubbio (2)

Archivio Fotografico Iat Gubbio

Creato nel 1909 nello storico Palazzo dei Consoli, il museo ha una collezione di oggetti che rappresentano la storia della tradizione della ceramica eugubina, dalla maiolica arcaica alla produzione del XX secolo.

LE CERAMICHE MEDIEVALI
La sezione di Ceramica medievale documenta le principali fasi di sviluppo della maiolica locale tra XIV e XV secolo, in particolare la produzione nota come “maiolica arcaica” in “zaffera a rilievo”, datata prevalentemente al XIV secolo.
In vetrina sono esposti oggetti di uso domestico realizzati al tornio e decorati con motivi stilizzati geometrico-floreali e zoomorfi, colorati utilizzando il verde ramina e il bruno manganese su fondo chiaro e smalto stannifero; a questo periodo risalgono anche i primi documenti di archivio sulla costituzione, a Gubbio, delle corporazione dell’arte dei Vasai.
Al Quattrocento si fanno risalire altri frammenti di ceramica più elaborata costituiti da manici a torciglione, boccali a becco di pellicano, frammenti di versatoi con lungo becco, parti di ciotole con decorazioni araldiche che utilizzano la tecnica della zaffera, caratterizzata da decorazione in turchino scuro.

LA CERAMICA A LUSTRO
Con l’introduzione della tecnica del lustro nella seconda metà del XV secolo, la ceramica eugubina si eleva qualitativamente e assume rilevanza internazionale, con protagonista indiscusso Mastro Giorgio Andreoli la cui bottega dominerà la produzione eugubina e quella del Ducato di Urbino per più di mezzo secolo.
La sua produzione si qualifica particolarmente per la maiolica istoriata, tipica di forme come taglieri, tondini, bacili e coppe su cui vengono dipinte scene a carattere mitologico, religioso, allegorico e storico.
Le maioliche di Mastro Giorgio rappresentano senza dubbio l’elemento caratterizzante la collezione del Museo.

L’OTTOCENTO
Per quanto riguarda la produzione dell’epoca moderna, ben documentato risulta lo Storicismo Ottocentesco, frutto di un “ritorno alla storia” e al recupero degli stili del passato che si verifica dalla prima metà del XIX secolo, per influenza delle correnti romantiche.
A Gubbio questo interesse si rivolge in particolare alla ceramica, che nel Rinascimento e nella produzione a lustro aveva conosciuto il suo massimo splendore.

ALTRE COLLEZIONI
Lungo il corridoio segreto sono esposti manufatti di provenienza da altri centri di antica tradizione ceramica, sia italiani (Urbania, Venezia, Castelli d’Abruzzo, Deruta) che tedeschi (Kunersberg), cinesi e giapponesi.
Il percorso termina con l’esposizione delle opere realizzate in occasione delle prime edizioni della Biennale di Scultura di Gubbio e soprattutto con i lavori del maestro Aldo Ajò, principale interprete della tradizione contemporanea; gli oggetti presenti nel museo documentano il percorso stilistico dell’artista a partire dagli anni quaranta del XX secolo.

I VASI DA FARMACIA
Il corpus più antico della collezione è caratterizzato principalmente da versatori per medicamenti liquidi (vasi panciuti con collo cilindrico e un becco a tubetto) e dalla serie di albarelli (forma cilindrica con strozzatura al centro e breve collo destinati a preparazioni dense, oleose e spezie).
A completare la collezione una serie di crogiuoli e duomi d’alambicco in terracotta utilizzati per la distillazione.

IL MUSEO DELLA MAIOLICA A LUSTRO
Integra le collezioni del Museo Civico una raccolta di maioliche a lustro collocata al primo piano della torre medievale di Porta Romana, nei pressi della chiesa di Sant’Agostino.
La collezione comprende oltre 250 opere di vari artisti locali, che vanno dal XVI secolo agli anni Cinquanta del Novecento; tra queste, il piatto con Sant’Antonio da Padova, datato 1531 e firmato, sia davanti che dietro, da Mastro Giorgio Andreoli.

 

Dettagli

ITINERARIO:
La via dell'arte e dei mestieri

COME ARRIVARE:
Uscita Gubbio
INDIRIZZO Piazza Grande, Palazzo dei Consoli
ORARI DI APERTURA Aprile-ottobre 10-13.30 / 14.30-18.30 Novembre-marzo 10-13 / 14.30-17.30 Fine settimana 10-18 BIGLIETTI Intero 7 euro Ridotto 5 euro Orari e i prezzi possono subire variazioni in concomitanza con mostre e eventi particolari

CONTATTI:
Telefono: 075 9274298
Email: museo@gubbioculturamultiservizi.it
Sito web: www.facebook.com/palazzo.deiconsoli www.palazzodeiconsoli.it