Home / La via della Magna Grecia / la via del mare

La via del mare


marina-di-pulsano
golfo di squillace
leporano-marina
lido policoro
locri
marina di pisticci
monasterace
san pietro in bevagna
scanzano Jonico
Scorcio-Salina dei monaci
siderno-calabria
torre colimena
torre-ovo
previous arrow
next arrow
marina-di-pulsano
golfo di squillace
leporano-marina
lido policoro
locri
marina di pisticci
monasterace
san pietro in bevagna
scanzano Jonico
Scorcio-Salina dei monaci
siderno-calabria
torre colimena
torre-ovo
previous arrow
next arrow

Lambisce la Via della Magna Grecia lo Jonio, il più profondo dei mari del Mediterraneo. Un mare che offre paradisiache visioni di azzurro sconfinato dalle molteplici sfumature. L’acqua del mito che deve il suo nome a Jonio, figlio di Durazzo e nipote di Poseidone. È il mare che racconta le storie di attraversamenti e navigazioni, le leggende di uomini, atleti, guerrieri ed eroi alla ricerca del grande sogno di progresso e futuro. Da Tharas a Rhegion, per la via del mare, è un susseguirsi di spiagge in alternanza rocciose e dalla sabbia finissima come il talco. Per il tratto tarantino comprendono Castellaneta Marina, da Ginosa Marina, Marina di Lizzano, Marina di Leporano, Marina di Pulsano, Torre Ovo, San Pietro in Bevagna, Salina dei Monaci, Torre Colimena. Un’oasi di storia e bellezze naturalistiche è Salina dei Monaci, oggi sede apprezzata di birdwatching quale habitat ideale di molti uccelli acquatici. Nota per la presenza di diverse specie di volatili e nel mese di maggio per i fenicotteri rosa.
Situata alla foce del Fiume Chidro, dalle cosiddette Acque salubri. Lungo il percorso e a ridosso della Basilicata Ionica, si trovano spiagge sconfinate, selvagge e a tratti dorate, lambite da acque trasparenti simili a quella della Grecia Ionica. Il lido di Metaponto è caratterizzato da mare limpido e bassi fondali su arenili di sabbia
finissima. Marina di Pisticci, invece, abbraccia per otto chilometri di costa una serie di insediamenti balneari e villaggi turistici, mentre il lido di Policoro, dai fondali bassi e sabbiosi, è caratterizzato da acque limpide e adeguate alla riproduzione di particolari tartarughe marine come la caretta caretta. Il lido di Scanzano Jonico, con la spiaggia Terzo Cavone, rappresenta la parte centrale della costa della Basilicata. Marina di Nova Siri con Marina di Rotondella chiudono il tratto di costa sabbiosa per la regione Basilicata. La Calabria jonica, da Marina di Rocca Imperiale a Roseto Capo Spulico, con il lungomare degli Achei, centro di frequentazione estiva, da Marina di Sibari a Corigliano con il borgo dei pescatori di Schiavonea, da Crosia a Cariati, da Cirò Marina a Torre Melissa, da Crotone a Le Castella, senza dimenticare il Golfo di Squillace. Paesaggi ambientali di particolare fascino, contraddistinte da spiagge incontaminate in cornici storiche dalla grande suggestione. Sul Golfo di Squillace si adagiano le località della marina catanzarese, da Botricello a Sellia
Marina, da Copanello a Soverato. Mete di turismo estivo, note per la movida serale, oltre che per le bellezze naturali. La Jonica reggina comprende le bellezze di Monasterace e la notorietà di Roccella jonica, meta di turismo musicale grazie alla rassegna di Jazz estivo, le Città di Siderno e Locri, autorevoli eredi di una storia importante, le distese di Ardore marina, Bianco, famosa per i vitigni, Brancaleone, Palizzi, Bova, Melito Porto Salvo il cui nome è legato a Garibaldi ed allo sbarco dei Mille, Condofuri, Saline Joniche e Reggio Calabria.